Tratto dal blog di fB: http://fb.splinder.com/
Originale disponibile all'indirizzo: http://fb.splinder.com/post/7304977/Due+di+due+(parte+prima)

La strana dicotomia occidentale

martedý, 28 febbraio 2006
Due di due (parte prima)

Per motivi a me non del tutto chiari la nostra civiltÓ occidentale si Ŕ ormai fissata su una serie di classificazioni dicotomiche del reale e ragiona ormai quasi esclusivamente per contrari: per esempio essere si contrappone a non essere, bene a male, e politicamente destra a sinistra.

La descrizione dicotomica e il modello monodimensionale di realtÓ che ne consegue sono tanto radicati nel nostro comune modo di pensare da causare gravi problemi di comprensione non appena ci si trovi di fronte a un qualunque problema poco meno che semplice, per non parlare della tentazione di considerare come contrapposti o complementari concetti che non lo sono affatto.

╚ persino difficile far cogliere il punto all'interlocutore: recentemente mi Ŕ capitato di contribuire a una sterile discussione con un tizio che sosteneva che rock e dance fossero generi musicali incompatibili. Tentare di fargli capire che essi non lo sono affatto si Ŕ dimostrato futile. Che il rock nasca in origine proprio come musica da ballo e lo rimanga fino alla metÓ degli anni '70 (per tornare a esserlo, almeno in parte, un decennio pi˙ tardi) Ŕ cosa che non lo tocca. Che il termine rock indichi un vasto genere musicale e il termine dance indichi invece una qualifica attribuibile a qualunque genere Ŕ affermazione da colui contestata (su quali basi, non saprei dire).

╚ un po' come discutere di colori con qualcuno che sostenga che l'unico verde esistente in natura sia il verde scuro e che, posto di fronte a molteplici esempi di oggetti color verde chiaro, ribatta ogni volta che si tratta di oggetti chiari, non certo verdi.

In fondo Ŕ una stupidaggine, mi dite? Provate a sostituire colori con cultura, verde con italiano, scuro con cattolico e chiaro con gli appartenenti alla comunitÓ religiosa o culturale che preferite.

╚ un po' come discutere di cultura con qualcuno che sostenga che l'unico italiano esistente in natura sia l'italiano cattolico e che, posto di fronte a molteplici esempi di italiani che cattolici non sono, ribatta ogni volta che si tratta di persone non cattoliche, non certo di italiani.

L'atteggiamento di chiusura mentale di fronte ai molteplici e complessi aspetti della realtÓ Ŕ lo stesso nei due casi. Chi segue il primo ragionamento, statene certi, sarÓ propenso a seguire anche il secondo, che Ŕ formalmente identico.



Postato da: fBxxx il 28/02/2006 11:26

< Torna al livello superiore <
<< Torna alla prima pagina <<